martedì 25 febbraio 2020

rpg story 54: Heroes of Olympus

La mitologia classica è presente in modo significativo in tutta la narrativa fantasy e in particolare nel gioco di ruolo, soprattutto per i numerosi riferimenti alle creature mostruose che affollano i bestiari: arpie, centauri, chimere, meduse, minotauri, pegasi e sirene - per citare solo i più noti - sono diventati parte dell'immaginario di intere generazioni di giocatori che fino a quel momento li avevano visti solo nelle illustrazioni scolastiche. Eppure i titoli direttamente ispirati alle leggende del mondo antico non sono più di una decina, tenendo conto anche dei supplementi ai giochi di ruolo con regolamenti universali che cominceranno ad apparire in modo significativo a partire dalla metà degli anni Ottanta.
Ecco quindi che dopo il mondo omerico di Odysseus (FGU, 1980) si fa avanti il viaggio degli Argonauti e di Giasone alla ricerca del Vello d'oro.
B. Dennis Sustare, già autore di Bunnies & Burrows (FGU, 1976), fu una presenza significativa nel panorama ludico nord-americano di quegli anni partecipando a numerose iniziative editoriali.

Cover orig. 1981

HEROES OF OLYMPUS

Autore: B. Dennis Sustare
Editore: Task Force (USA)
Anno di edizione: 1981
Genere: mitologico


Il gioco permette di rivivere il viaggio degli Argonauti alla ricerca del Vello d'Oro. I giocatori, nelle vesti di Giasone, Ercole, Atalanta, Meleagro, affrontano pericoli e creature in una ambientazione epica molto ben documentata. La scatola contiene anche un bordgame per due giocatori con diversi scenari di combattimento. Un gioco per collezionisti da consigliare solo a giocatori esperti.

[Luca Giuliano, In principio era il drago, Proxima, Roma, 1991, p. 89]


 

domenica 26 gennaio 2020

rpg story 53: Crimefighters

Nel 1981 appare il primo role-playing game dedicato al fortunato genere pulp della lotta avventurosa al crimine stile Anni Trenta. Era ispirato a personaggi come Agente X-9 e Doc Savage, precursori dei super-eroi. Pochi se lo ricordano e qualcuno lo confonde con Crime Fighter di Bob Charette (FGU, 1982) apparso l'anno dopo. Peccato, perché era un bel gioco, con un regolamento semplice ma efficace, basato sul tiro in percentuale. I personaggi sono definiti da cinque profili principali: il difensore, il giustiziere, il pragmatico, il tecnologico e l'antitecnologico. Devo dire che la mia scheda in In principio era il drago appare oggi un po' approssimativa. Di fatto si trattava di un gioco di ruolo "minimalista", una nozione allora del tutto nuova e che poi troverà altri estimatori con il passare del tempo.
Crimefighters fu pubblicato su Dragon n. 47 del marzo 1981, una rivista della TSR dedicata per la massima parte a Dungeons & Dragons e ad Advanced Dungeons & Dragons.
Il pdf è disponibile qui per il download. L'autore, David "Zeb" Cook, era destinato a diventare famoso nel mondo dei giochi di ruolo, soprattutto per i gdr The Adventures of Indiana Jones (TSR, 1984), Conan the Barbarian (TSR, 1985) e per aver curato la seconda edizione di Advanced Dungeons & Dragons.

Copertina originale Dragon #47
CRIMEFIGHTERS

Autore: David "Zeb" Cook
Editore: Tactical Studies Rules (USA)
Anno di edizione: 1981 (Dragon n. 47)
Genere: avventuroso-investigativo


Venti pagine di supplemento nel numero di Marzo 1981 della rivista Dragon. E' il primo GdR a trattare il tema della lotta ai super-criminali. L'autore è diventato poi una "star" della TSR e ha firmato molti altri GdR, tra i quali la seconda edizione di AD&D.


[L. Giuliano, In principio era il drago, Proxima: Roma, 1991, pag. 64]

venerdì 3 gennaio 2020

rpg story 52: Wild West

Il Vecchio West nei giochi di ruolo non ha avuto molta fortuna, diversamente dal cinema in cui invece costituisce un genere del tutto autonomo. Dopo Boot Hill del 1975, un solo anno dopo Dungeons & Dragons, il lungo silenzio di sei anni è interrotto solo da Wild West, un rpg nel più puro stile FGU: austero, con un robusto sistema di simulazione, ma troppo complesso per i giocatori di ruolo di seconda generazione che già nel 1981 venivano ormai reclutati in modo "nativo" e quindi non avevano mai affrontato i regolamenti delle simulazioni di guerra sia strategiche che tattiche. Infatti Wild West oggi non se lo ricorda più nessuno, nonostante sia ancora vivo un sito che ne conserva la memoria con un regolamento online. Qualche anno dopo l'ambientazione western apparirà ancora in alcuni supplementi per giochi di ruolo universali (ne parleremo a tempo debito) e qualche contaminazione horror-fantasy più recente come Deadlands (1996).


Cover orig. 1981

WILD WEST

Autore: Anthony P. LeBoutillier e Gerald D. Seypura
Editore: Fantasy Games Unlimited (USA)
Anno di edizione: 1981
Genere: storico-avventuroso


Dodge City, Tombstone, il Vecchio West dopo la Guerra Civ­ile. Un GdR molto apprezzato dagli appassionati, con un regolamento asciutto ma completo. La creazione del PG è basata sul lancio di 3d6 per ciascuna delle caratteristiche principali. Le caratteristiche secondarie si ricavono per cacolo dalle caratteristiche principali. Ogni dettaglio è contemplato, specialmente per quanto riguarda il classico duello tra pistoleri.

Il sistema di simulazione è veramente originale e si basa su un uso molto attento del concetto di "esperienza". Nulla di simile si ritrova in altri GdR. Una speciale "carta" riporta delle scale di misurazione che rapportano le abilità impiegate all'esperienza e al livello di difficoltà dell'a­zione da compiere. Con un righello si traccia una linea continua fino ad incrociare la scala di probabilità che indica il valore da ottenere per avere successo. Il combat­timento avviene in round di 2 secondi, divisi in sei segmen­ti di 1/3 di secondo ciascuno, ed è il fulcro del gioco. Le armi sono quelle usate nel West dal 1860 al 1875. I dettagli sono numerosi ma necessari per simulare un combattimento fulminante in cui ogni elemento svolge la sua parte. Su una speciale griglia ogni PG, e il Master per ogni NPG, scrive tutte le sue azioni per un intero round. Poi si scoprono contemporaneamente le dichiarazioni e si procede alla riso­luzione delle azioni. Un vero sistema di simulazione, molto impegnativo e gestibile solo da giocatori molto esperti.

Uno scontro di 30 secondi richiede ben 90 dischiarazioni di posizione e movimento per ogni personaggio.

[L. Giuliano, In principio era il drago, Proxima: Roma, 1991, pag. 159]